Dov’è il drago?

Immaginate la camera dello zio piena di modellini di draghi (lo so sono malato, non siete gli unici a pensarlo). Draghi di plastica, di resina, di gomma, di finto marmo ecc. ecc. …. ora immaginate uno scricciolo che entra in questa stanza e vede tutto questo ben di Dio in mezzo ad action figures varie.
Il risultato sarà che, in assenza dello zio, sceglierà il suo preferito e per deduzione mentale diventerà ovviamente di sua proprietà… simbiotica.
Da quel momento mangerà, berrà, giocherà, scalerà gli alberi del giardino e costruirà acceleratori di particelle sempre tenendo in mano il drago scelto.

Cosa succede quando lo zio se ne accorge… reprimo il dolore dentro di me come solo i veri ninja sanno fare e annuisco sconsolato ai parenti che amorevolmente mi dicono “no ma lo tiene perché gli ricorda te sai!” … ma nel mio cuore so che in realtà le probabilità di dover dire addio a quel pezzo da collezione cominciano ad essere sempre più alte man mano che le ore avanzano.

Ma io attendo… attendo… attendo… e zac! All’ora del pranzo sfrutto la distrazione dello scricciolo (che mangia come un bue) per tornare in possesso del drago e nasconderlo in alto… molto in alto.
Lì per lì sembra tutto ok… fiuuu dai su, è andata! Drago salvo e scricciolo tranquillo… illuso.

Tempo mezz’ora si comincia con “Dov’è il drago?” … tempo un’ora: “Dov’è il drago? Dov’è il drago? Dov’è il drago?” e così via… a degenerare.
Lo scricciolo è devastato, ha capito che la vita è difficile e piena di dolore, i parenti mi guardano storto ma io rimango irremovibile, determinato a portare con me nella tomba dove ho nascosto l’oggetto del desiderio.

La giornata continua così…
Entro in una stanza … “Zio dov’è il drago?”; vado in giardino … “Zio dov’è il drago?”; esco dalla cucina … “Zio dov’è il drago?”; mi metto alla tv … “Zio dov’è il drago?”; vado a letto … “Zio dov’è il drago?”; lui va a letto … “Zio dov’è il drago?”.

Nonostante questo e nonostante un rapporto zio-nipote ormai minato alle basi (la pagherò quando sarà grande) il drago è salvo… chi la dura la vince.

Annunci

1 Commento

Archiviato in Cose da maschi

Una risposta a “Dov’è il drago?

  1. al picciotto allora piacerebbe il mio drago in pietra lavica con gli occhi rossi 😛

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...